Atomizzatori

ATOMIZZATORI per sigarette elettroniche

Il nucleo centrale della sigaretta elettronica è sicuramente l’atomizzatore, che preleva il liquido inserito nella cartuccia, lo vaporizza tramite una resistenza interna (alimentata e surriscaldata dalla batteria), e ci consente di aspirarlo dandoci una sensazione molto simile a quella di una sigaretta tradizionale. Occorre dintinguere tra: atomizzatore, cartomizzatore, cleromizzatore e rigenerabili.

  • Atomizzatore: è semplicemente l’elemento riscaldante della sigaretta elettronica, ed è composto da una resistenza che permette l’evaporazione dei componenti. Le modalità con cui il liquido raggiunge questa resistenza ed evapora, invece, definiscono la differenza tra le varie tipologie di sigaretta elettronica, ciascuna con caratteristiche di resa finale peculiari.
  • Cartomizzatore: è una cartuccia a cui è stata incorporata la resistenza di un atomizzatore, evitando così di dover costantemente cambiare la ricarica. L’atomizzatore è infatti a diretto contatto con una spugnetta che rilascia progressivamente il liquido fino al suo esaurimento. Il vapore è un pò più caldo, ed è possibile rigenerare il cartomizzatore, riutilizzandolo più volte. Il vantaggio principale è sicuramente la semplicità d’uso. Al cartomizzatore può essere aggiunto un tank (serbatoio) di liquido aggiuntivo che viene rilasciato nel tempo per aumentarne l’autonomia.
  • Cleromizzatore: è un filtro dotato di una wick imbevuta di liquido, che trasporta quest’ultimo direttamente alla resistenza, posta in cima al meccanismo. L’intero sistema è chiuso all’interno di una protezione di plastica trasparente che permette di controllare costantemente la quantità di liquido residua. Il vapore prodotto è tra i più caldi, con un hit considerato particolarmente pregiato tra gli estimatori.
  • Rigenerabili: sono atomizzatori di struttura solida e robusta ai quali si sostituisce la parte “consumabile”, la resistenza, costruendola da sé con pochi elementi a basso costo.

Ogni atomizzatore ha almeno una resistenza che vaporizza il liquido. In base al numero di resistenze presenti, si differenziano gli atomizzatori single coil (con una resistenza), dual coil (due resistenze) e triple coil (tre resistenze). Il posizionamento della resistenza può variare tra “bottom coil” (con la resistenza posta in basso) e “top coil” (posta in alto).

Torna su